Perché dovremmo iniziare a pensare a Facebook e a WhatsApp come a un servizio pubblico