Democrazia è vaccinarsi

In questi giorni i rigurgiti di incultura toccano nuovi apici.

Neppure il tempo di apprendere, da un sondaggio su Repubblica, che il 41% degli italiani rifiuterebbe il vaccino anti-Covid, che a Firenze si radunano torme di mentecatti no-vax, una fauna variopinta di complottisti e dulcamara di varia estrazione. Insozzando con la loro presenza i luoghi del nostro Rinascimento.

Si scandalizza qualcuno se vi dico che a soggetti del genere sarebbe da imporre un chip sotto pelle, così che una notifica sullo smartphone avvisi chiunque abbia la sfortuna di capitargli a tiro? Che i loro nomi andrebbero affissi su un registro pubblico? Che se hanno figli a cui rifiutano il vaccino andrebbe tolta loro la patria potestà?

Come i lebbrosi nel medioevo? Sì, perché quella che li affligge è la lebbra peggiore: un’ignoranza incallita che rifiuta di pensarsi parte del consorzio umano.

Democrazia è vaccinarsi.

Pubblicato su Coerenza eventuale