Disinformazione

Gazzettieri che si lamentano di una disinformazione pervasiva che essi per primi contribuiscono a diffondere. Che non hanno capito che NON stanno recensendo una dating app (“a fine giornata zero notifiche, eppure è stato un lunedì ricco di contatti”: ma seriamente?). Che per quanto i social ci abbiano assuefatto a quella micro-scarica di adrenalina che chiamiamo notifica, con l’exposure notification la normalità è l’ASSENZA di notifiche.

Immuni, con più evidenza se possibile degli indici DESI, sta mettendo a nudo l’incapacità sistemica del Paese di vivere onlife, la schizofrenia di una società che non riesce a interagire con il digitale se non attraverso paranoia, banalizzazioni o malafede.

Il fallimento, se c’è, è questo.

Pubblicato su Coerenza eventuale