Information security per i servizi web della PA

La cura della sicurezza informatica è un processo olistico che attraversa tutte le fasi di un progetto ICT, coinvolgendo figure professionali ad ampio spettro.

Premessa

La partita, oggi, si gioca su campi impensabili sino a qualche anno fa, e richiede la messa in opera di contromisure e tecniche di prevenzione ad ampio spettro. Né potrebbe essere altrimenti in un mondo in cui gli strumenti a disposizione di eventuali attacchi si fanno sempre più potenti e i fini sempre più politicizzati.

Alla necessità di contrastare attacchi brute force si è aggiunta inoltre l’esigenza di difendersi tanto da accessi non autorizzati ai dati sensibili (data leaking) quanto da pratiche di vandalismo (defacement) con forte impatto mediatico.

L’opera di prevenzione, se intende essere adeguata, deve iniziare nel momento stesso in cui il software nasce; la sensibilità al problema della sicurezza, in altri termini, deve informare tutte le fasi di analisi, progetto, implementazione e verifica del software stesso, con un grado di attenzione non inferiore a quello che si richiede durante la conduzione in esercizio.

Durante tutte le fasi del progetto è essenziale stabilire una gerarchia della sensibilità dei dati e dei sistemi, cui far corrispondere una differenziazione dei livelli e dei requisiti minimi di sicurezza da applicare.

L’esigenza di difendersi da vulnerabilità o codice malevolo conduce naturalmente a prediligere procedure, formati, librerie e componenti software aperti, come richiesto d’altra parte dal Codice dell’Amministrazione Digitale.

Scopo del presente documento sarà dunque la descrizione dei metodi, standard e best practice da adottare per la messa in sicurezza di un sistema informatico, con particolare attenzione ai portali web informativi o di servizi.

Progettazione

La fase progettuale dovrà riposare sui seguenti principi-cardine:

  • articolazione dell’architettura in moduli indipendenti;

  • scelta di una piattaforma aperta e di protocolli aperti (art. 68 del Codice dell’Amministrazione Digitale);

  • rigetto del paradigma intrinsecamente insicuro della “security through obscurity”;

  • adozione di un modello di sicurezza verificabile e minimizzazione della superficie di attacco;

  • gestione gerarchica e capillare dei privilegi associati ai processi coinvolti; in particolare, l’applicazione del principio di least privilege;

  • isolamento dei dati, ossia separazione rigorosa e irrevocabile tra logica applicativa (il codice) e conservazione, accesso e verifica degli archivi informatizzati;

  • nel caso particolare di applicazioni web, l’adozione di principi dettati dall’Open Web Application Security Project (OWASP).

Sviluppo

Lo sviluppo dovrà tener conto di buone prassi volte a prevenire precocemente i rischi legati alla sicurezza. Tra queste citiamo:

  • Protezione da SQL injection. La classe di attacchi che va sotto il nome di SQL injection è in grado di sfruttare vulnerabilità introdotte da cattive abitudini di sviluppo per guadagnare accesso ai dati o per comprometterne la corretta archiviazione. Ci si salvaguarda da attacchi di questo tipo ricorrendo, tra l’altro, a librerie specializzate (object-relational mappers) che si facciano carico di tutte le procedure di accesso, rendendo impossibile l’inserzione malevola di codice proveniente dall’esterno.

  • Protezione da code injection. Codice maligno che riuscisse a penetrare nel sistema potrebbe facilmente condurre ad aggirare i criteri di protezione dei dati: è perciò vitale mettere in atto tecniche adeguate di protezione. Contromisure efficaci sono: l’uso di un’interfaccia di programmazione consolidata; una struttura rigorosamente modulare del codice, realizzata tramite raggruppamento delle funzionalità in components indipendenti e tra di loro e dal nucleo interno del software; una corretta codifica dell’output, volta in particolare a prevenire una classe specializzata di attacchi (HTML injection/XSS).

  • Protezione da buffer overrun. Il buffer overrun viene scatenato da dati di input malevoli atti ad alterare le modalità naturali di esecuzione del software. Le conseguenze di un attacco di questo sito includono accessi non autorizzati ad aree di memoria od archiviazione nonché la compromissione generale della sicurezza, suscettibile di favorire intrusioni maggiormente invasive. Ci si tutela dai buffer overrun operando un controllo incrociato in due aree critiche: validazione dell’input e verifica a runtime dei tipi di dati.

Collaudo

Il ciclo di collaudo dev’essere condotto in base ad un programma rigoroso e deve far uso di una infrastruttura quality of service (copia esatta dell’infrastruttura di esercizio) con simulazione degli attacchi tramite strumenti specializzati. La gestione del progetto prevede inoltre una formalizzazione del flusso di informazioni critiche relative alla sicurezza tra sviluppatori, collaudatori e sistemisti.

Collaudo security-oriented

Si tratta di un supplemento alla fase di collaudo vera e propria, che andrà ad individuare e catalogare eventuali debolezze residuali. Si seguiranno alcune linee guida:

  • individuazione dei punti con maggiore vulnerabilità nonché dei dati sensibili;

  • tracciamento del profilo di un possibile attaccante;

  • individuazione di tutte le possibili direzioni d’attacco;

  • catalogazione delle vulnerabilità individuate;

  • adozione di certificazioni specifiche (la già citata OWASP, OSSTMM, etc.).

Esercizio

La conduzione in esercizio di un progetto ICT è probabilmente la fase più delicata e complessa; ed è quella in cui l’esposizione al grande pubblico rende maggiormente critici eventuali difetti nella tutela della sicurezza. Intanto, si individuano i seguenti requisiti:

  • continuità del servizio, alta disponibilità, resilienza;

  • resistenza ai guasti hardware e software (fault tolerance) e predisposizione ad un accesso intenso con potenziali picchi;

  • interconnessione ben definita con altre piattaforme;

  • controllo dei livelli di accesso ai dati;

  • difesa efficace da attacchi di tipo denial-of-service e defacement (danno d’immagine);

  • semplicità di gestione.

Il rispetto di tali requisiti passa attraverso alcuni punti essenziali:

  • stesura di procedure che coprano tutti gli aspetti operativi, alla normale manutenzione alle condizioni di emergenza e al disaster recovery, e di protocolli che assicurino la continuità operativa;

  • gestione che faccia sue le direttive stabilite in sede di progetto nonché durante i successivi momenti di messa a punto e di aggiornamento;

  • una condivisione libera e piena della conoscenza all’interno del gruppo sistemi, dell’intero progetto e dell’Amministrazione.

Ne scaturisce la visione di un’architettura che:

  • garantisca la piena integrità e validazione dell’interscambio dati appoggiandosi a protocolli sicuri;

  • faccia uso di ACL (Access Control List) per definire i permessi sulla creazione, modifica e visualizzazione dei contenuti;

  • preveda aggiornamenti continui, garantiti eventualmente dal supporto a lungo termine (TLS);

  • adotti strumenti ad alta protezione attestati sui segmenti più esposti (firewall, strumenti per la prevenzione e la rivelazione di intrusioni nella rete, port scanning, geolocalizzazione degli accessi);

  • faccia sue buone prassi di affinamento progressivo delle configurazioni (hardening).

Parte essenziale della conduzione in esercizio di un progetto IT sarà la scelta ed il deploying di uno strumento di monitoraggio, il quale assista lo staff sistemistico nella pronta percezione dei problemi, nella diagnosi e ricerca dell’eziologia e, nella misura del possibile, anche in un intervento attivo.

Ad un apparato del genere si chiederà, in altre parole, di dotarsi di una “intelligenza” che gli consenta di incrementare la proattività del sistemista, ossia la capacità di prevenire ed anticipare i problemi e, più in generale, i bisogni futuri.

Individuiamo i seguenti requisiti come preferenziali:

  • possibilità di attingere ad un vasto patrimonio di moduli aggiuntivi (plugin);

  • strumenti di amministrazione che consentano uno sguardo olistico sullo stato dell’intera infrastruttura;

  • strumenti per la verifica dell’integrità delle componenti del sistema (eventuale manomissione di file di configurazione, alterazione di privilegi d’accesso, caricamento di documenti non autorizzati);

  • supporto per il monitoraggio di apparati di rete;

  • capacità di operare in una configurazione distribuita.

Il sistema di monitoraggio dovrà proteggere l’infrastruttura critica del progetto (IT core infrastructure) da attacchi di tipo invasivo che possano compromettere, a vari livelli, la sicurezza del sistema, la sua capacità operativa, il valore in termini di immagine del servizio erogato.

In particolare, dovranno essere fronteggiati in modo il più possibile automatizzato attacchi delle tipologie seguenti:

  • Web site defacement: consiste nel minare la reputazione di una organizzazione modificando una home page ufficiale o sostituendola con un’altra fabbricata ad arte, con l’obiettivo di lanciare un messaggio denigratorio.

  • Denial of Service: attacco il cui scopo è quello di rendere indisponibile un servizio. Si mette in atto inondando i server di richieste (anche fasulle) in modo tale da saturarne la capacità operativa.

In entrambi i casi il servizio di monitoraggio dovrà essere in grado non soltanto di notificare immediatamente il personale IT preposto, ma anche di effettuare delle azioni di tipo proattivo (ad esempio, il ripristino automatico della pagina web compromessa).

Sicurezza globale

Per garantire una sicurezza a livello globale sarà opportuno:

  • abilitare l’accesso fisico ai locali server tramite Card Keys e identificazione biometrica;

  • abilitare l’audit delle attività svolte sul sistema, in modo da intercettare operazioni non autorizzate o sospette.

Qualsiasi anomalia riscontrata in questa fase permette un tempestivo intervento sul sistema.

Pubblicato su OFCS.Report
Pagina archiviata Internet Archive