Oltre il codice

Una settimana fa Open mi intervistava come presidente di Eutopian per qualche insight sull’architettura di Immuni. Al momento dell’intervista l’app non era ancora disponibile e abbiamo dovuto basarci esclusivamente su quanto era dato prevedere dal codice sorgente e su semplici esercizi di data journalism (una query dig, una ricerca su whois fatti da mobile con Termux, per gli appassionati).

Era inoltre un’importante occasione per chiarire concetti come quelli di codice sorgente e di open source che attraverso Immuni sono usciti dai circoli tech-ermeneutici e sono entrati a pieno titolo nel dibattito democratico italiano (grazie a Valerio Berra per la sensibilità sul tema).

A una settimana di distanza, è facile confermare che quelle previsioni erano corrette. Non vorrei essere l’ennesimo a citare Lawrence Lessig che 21 anni fa disse: il codice (sorgente) è legge.

Ma è anche facile renderci conto che concentrarsi solo sul codice non ci aiuta a coinvolgere quella parte di opinione pubblica per la quale queste sono questioni da tecnocrati/tecnoentusiasti/integrati. La governance della sanità e dell’innovazione, le politiche pubbliche e le loro dinamiche, gli equilibri dei rapporti tra gli Stati e le grandi piattaforme sono tutti temi che la vicenda Immuni ha messo anche abbastanza bruscamente al centro dell’attenzione. Personalmente, continuerò a occuparmene nelle settimane che ci aspettano.

Pubblicato su Eventual Consistency