La Blockchain a Napoli

Siamo all’evento sulla Blockchain di Napoli in compagnia di Roberto Reale, Manager dell’innovazione.

Buongiorno Sig. Reale grazie per aver accettato di essere intervistato da noi. L’arrivo della blockchain ha suscitato molto interesse ma anche critiche. Cosa significa per Lei utilizzarla al meglio?

Come ogni tecnologia, la blockchain di per sé non è né “buona” né “cattiva”, non ha virtù salvifiche, non “democratizza” automaticamente l’età digitale, al contrario di quanto affermano certe narrazioni ingenue. Tutto dipende dalla nostra capacità di disegnare processi adeguati e di applicare lo strumento tecnologico senza forzature. Occorre abbandonare ogni approccio di tipo manicheo in favore di valutazioni che tengano conto, caso per caso, delle esigenze e degli obiettivi. Ad esempio, personalmente non sono contrario all’impiego di blockchain permissioned/private, purché siano chiari limiti e casi d’uso.

Crede che in futuro, la blockchain sarà una risorsa fondamentale per l’Italia? In che modo?

Ribalto la domanda. La blockchain è il tassello di un quadro più ampio di convergenza tra tecnologie: intelligenza artificiale, internet delle cose, realtà aumentata. Detto questo, in questa fase è importante sperimentare il più possibile, soprattutto in aree cruciali per la nostra economia e alle quali la blockchain si applica in modo naturale: agroalimentare, manifatturiero, turismo, finanza.

Ha avuto modo di vedere il nostro sito cosa ne pensa? Stiamo raggiungendo il nostro obiettivo quello di far conoscere la tecnologia a tutti comunicando in modo semplice senza utilizzare troppi tecnicismi?

È un format interessante. A mio parere l’essenziale, quando si fa divulgazione, è raggiungere un buon compromesso tra semplicità e rigore.

Dott. Reale vuole cogliere l’occasione per fare dei ringraziamenti?

Voglio ringraziare l’amico Luigi de Magistris che ha saputo comprendere e valorizzare, in piena età digitale, la vocazione sperimentale che Napoli ha da sempre.

Pubblicato su Gamma News
Pagina archiviata Internet Archive
Coautori G. Clemente