Il Principe digitale

Credevate che parlasse di principati e dei modi per acquistarli «con l’arme proprie e virtuosamente», il buon vecchio Segretario fiorentino?

E invece no, lui parlava di fare innovazione (in Italia e altrove, ma specialmente in Italia).

E debbasi considerare come non è cosa più difficile a trattare, né più dubbia a riuscire, né più pericolosa a maneggiare, che farsi capo ad introdurre nuovi ordini. Perché lo introduttore ha per nimici tutti quelli che delli ordini vecchi fanno bene, et ha tepidi defensori tutti quelli che delli ordini nuovi farebbono bene. La quale tepidezza nasce, parte per paura delli avversari, che hanno le leggi dal canto loro, parte dalla incredulità delli uomini; li quali non credano in verità le cose nuove, se non ne veggono nata una ferma esperienza.

Pubblicato su Coerenza eventuale