Anth. Palat. V, 258

Traduzione da Anthologia Palatina / Translation from Anthologia Palatina

ΠΑΥΛΟΥ ΣΙΛΕΝΤΙΑΡΙΟΥ

Πρόκριτός ἐςτι, Φιλιννα, τεὴ ῥυτὶς ἢ ὀπὸς ἥβης
πάσης· ἱμείρω δ' ἀμψὶς ἔχειν παλάμαις
μάλλον έγὼ σέο μῆλα καρηβαρέοντα κορύμβοις,
ἤ μαζὸν νεαρῆς ὄρθιον ἡλικίης.
Σὸν γὰρ ἒτι φθινόπωρον ὑπέρτερον εἲαρος ἂλλης,
χεῖμα σὸν ἀλλοτρίου θερμότερον θέρεος.

La tua corteccia avvizzita, Filinna,
è più saporosa che umore di giovinezza.
I tuoi seni scesi a patti
con la gravità mi attizzano più
che le tettine ritte di una ragazza.
E vorrei trattenerli nelle mani.
Credimi, vale più della sua primavera
il tuo autunno, e l'estate di nessuna
brucia quanto il tuo inverno, Filinna.