Anth. Palat. V, 279

Traduzione da Anthologia Palatina / Translation from Anthologia Palatina

ΠΑΥΛΟΥ ΣΙΛΕΝΤΙΑΡΙΟΥ

Δηθύνει Κλεόφαντις· ὁ δέ τρίτος ἄρχεται ἤδη
λύχνος ὑποχλάζειν ἦκα μαραινόμενος.
Αἴθε δὲ καὶ χραδίης πυρσὸς συναπέσβετο λύχνῳ,
μηδέ μ' ὑπ' ἀγρύπνοις δηρὸν ἒχαιε πόθοις.
Ἆ πόσα τὴν Κυθέρειαν ἐπώμοσεν ἕσπερος ἥξειν!
ἀλλ' οὔτ' ἀνθρώπων φείδεται, οὔτε θεῶν.

È in ritardo Cleofantide: già comincia
per la terza volta a soffocare la lucerna
corrosa a poco a poco dal fuoco.
Così mi si raffreddasse la lava nel petto
non mi consumasse più il desiderio
notte per notte incurante di stasi.
Troppe volte giurò per Citera:
— Verrò questa sera.
Ma non teme gli uomini quella
e nemmeno gli dei.